Abbiamo 140 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L'ex presidente della Provincia di Cagliari si ritira

Milia, addio alla politica

Milia...addio alla politica

Graziano Milia, ex sindaco di Quartu Sant'Elena per due mandati, ex presidente della Provincia di Cagliari, dice basta. L'ormai ex cavallo di razza del Pd e della sinistra sarda lascia la politica e con essa il posto nella Direzione nazionale del partito, di cui, però, continuerà a rinnovare la tessera. «Una scelta personale», tiene a precisare Milia, che ieri ha informato della decisione gli amici («I compagni, prego», puntualizza) di Judikes, l'associazione politico-culturale che ha fondato.

«L'attuale momento della politica non c'entra nulla», si è affrettato a puntualizzare l'ex sindaco, una volta che la voce del suo ritiro ha iniziato a girare.

«Continuerò a essere un elettore del Pd», ha aggiunto Graziano Milia, in un breve saluto di commiato affidato ai giornali. «È una scelta di vita e personale. L'ho resa pubblica solo per poter ringraziare chi in trentotto anni mi ha supportato in quella esperienza e anche sopportato, in primis la mia famiglia e tutti coloro i quali hanno lavorato con me o attorno alle mie attività, come i giornalisti. Ma il ringraziamento più grande va agli elettori che mi hanno consentito di fare due esperienze che porterò sempre con me. E poi... se continuo a fare politica non smetterò mai di fumare!».

Milia è stato costretto a lasciare la carica di presidente della Provincia in seguito a una condanna per abuso d'ufficio. «Subita», si difende strenuamente l'ex presidente, «perché una delibera è stata assunta dalla Giunta e non dal Consiglio».

Ma, ormai, anche questa è una ferita destinata a rimarginarsi. Resta il legame indissolubile con il Pd. Voterà alle primarie? «La politica è alle mie spalle, ma andrò a votare. Per chi, però, non intendo dirlo».

Fonte Articolo: UNIONE SARDA

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK