Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Pubblicato Giovedì, 04 Luglio 2013 01:17
Visite: 7585

 Ho'oponopono

HO'OPONOPONO è un metodo per liberarsi di energie interiori nocive, per permettere l'accesso a pensieri, parole e azioni del Divino (per me che scrivo, il Divino è Dio, ma ognuno di noi può avere il suo Divino!). E' un procedimento di pentimento, perdono e trasmutazione e permette di trasformare i nostri pensieri sbagliati in pensieri di amore.

Mi dispiace per i miei pensieri erronei che hanno provocato in me problemi, ti prego, perdonami.

In risposta a questa richiesta di pentimento e perdono, l' Amore inizia il processo mistico di trasformazione dei pensieri erronei, neutralizzando ogni emozione negativa, causa del problema, lasciandoli in stato di Vuoto, di vera libertà, così l'Amore lo riempie di se.

Il Dott.Hew Lan, che dal 1983, insegna il sistema aggiornato di Ho'oponopono, scrive a proposito: conduco la mia vita e le mie relazioni secondo le seguenti intuizioni.

1. L'universo fisico è una concretizzazione dei miei pensieri.

2. Se i miei pensieri sono negativi, essi creano una realtà fisica negativa.

3. Se i miei pensieri sono perfetti, essi creano una realtà fisica che trabocca di amore.

4. Io sono responsabile al 100% del mio universo fisico così com'è.

5. Io sono respopnsabile al 100% per la correzione dei pensieri negativi che creano una realtà malata.

6. Non c'è qualcosa che si possa dire "essere fuori di me". Tutto esiste come pensiero nella mia mente.

"LA PACE INIZIA CON ME"

I miei problemi sono ricordi che tornano nel mio sub-conscio e allora posso chiedere alla Divinità di lasciarli andare con la trasmutazione, riportando così la mia mente al suo stato di Vuoto, di libertà della memoria. E nella mia libertà io sono il mio Sé Divino. I problemi sono una ripetizione dei nostri ricordi, sono informazioni registrate, che si ripetono perchè nella nostra reazione li afferriamo e rimaniamo intrappolati in essi. In questo modo diventiamo un polo di attrazione per molti altri ancora... Ricordiamo che i problemi,le situazioni e le persone, non esistono fuori di noi come le percepiamo, ma la nostra percezione è una riflessione dei nostri pensieri., noi siamo l'ostacolo più impegnativo della nostra esistenza.
Quando il sub-conscio è a livello Zero, è senza tempo, infinito, ma quando i ricordi dettano legge, si impiglia nel tempo, nei problemi, nell'incertezza. Permettendo tutto ciò, si perde la sintonia con la divinità. Ristabilendo il ritmo originale, il livello Zero si apre e l'anima viene ispirata.

"GUARIGIONE"

In Ho'oponopono, la guarigione significa amare se stessi; migliorare la nostra vita vuol dire curarla. E attenzione con questo metodo guarendo noi, offriamo guarigione agli altri. Questo metodo si verifica dall'interno all'esterno ed è chiamato: IDENTITA' DEL SE' HO'OPONOPONO. Secondo il dott. Hew Len, non avendo vera consapevolezza degli accadimenti, il suo lavoro consiste nel ripulire e quando si ripulisce, il mondo si ripulisce, perché lui è il mondo nel senso che tutto ciò che è fuori di lui è proiezione è illusione. Dal momento che tutto è lo specchio di noi stessi, siamo responsabili di mettere in ordine ciò che sperimentiamo, connettendoci interiormente con il Divino.

Il modo è dire TI AMO al Divino.

Ci sono quattro frasi semplici da ripetere (anche) in continuazione, senza pause, indirzzandole al Divino:

1. ti amo

2. mi dispiace

3. ti prego, perdonami

4. grazie

Nota. Non esiste un ordine per promuovere queste frasi, mettiamole pure nella sequenza che ci

viene al momento più spontanea. Si possono usare tutte le quattro frasi, due, oppure solo una.

Anche solo

Ti amo risolve le situazioni

Quando eliminiamo cose che non ci interessano più dal computer, vanno a finire nel cestino, ma sono sempre dentro il computer! I nostri ricordi sono così, sono dentro di noi e non li vediamo.

DEBBONO ESSERE CANCELLATI!

Ci sono due modi per vivere la vita, si può partire dai ricordi oppure dalle ispirazioni.

I ricordi sono vecchi programmi che si ripetono

L'ispirazione è il Divino che ci messaggia

L'unico modo per sentire il Divino e ricevere l'ispirazione, è ripulirsi dai ricordi, ripulirsi, ripulirsi per arrivare al livello Zero.

Mantenendo una pulizia costante dei pensieri (che vengano dall'ispirazione o dalla memoria), saremo più consci di adoperare al meglio il nostro libero arbitrio. Ho'oponopono, il suo compito è di aggiustare e correggere gli errori.

Secondo gli antichi hawaiani, l'errore sorge dai pensieri contaminati da ricordi dolorosi. Questo metodo offre un modo per liberare l'energia di questo dolore o errore che provoca squilibri e malattie. Questo metodo risolve i problemi ma agisce completamente dentro noi stessi. Ho'oponopono si basa sul perdono, pentimento, trasmutazione ed ogni volta che usiamo uno dei suoi strumenti:

ti amo

mi dispiace

ti prego, perdonami

grazie

ci assumiamo il 100% di responsabilità e chiediamo perdono per noi stessi. Impariamo che tutto ciò che appare nella nostra vita, è una proiezione dei nostri programmi. Nel metodo aggiornato troviamo inserite le tre parti del Sé, le quali esistendo in ogni molecola di realtà sono così classificate:

bambino/sub-conscio

madre/conscio

padre/super-conscio

quando questa famiglia interiore è armonica, l'individuo è in sintonia con il Divino. Stando sempre agli antichi hawaiani, da cui ha origine il metodo, i problemi iniziano come pensieri e i pensieri sono pieni di ricordi dolorosi.

Seguiamo il processo di Ho'oponopono:

Il Divino si prende il pensiero doloroso, lo neutralizza e lo purifica.

L'energia viene rilasciata e va a formare uno spazio nuovo, chiamato dai buddhisti -VUOTO-

Il passo finale è quello di permettere al Divino di entrare e riempire di luce il VUOTO.

Per fare Ho'oponopono, non è necessario conoscere a fondo il problema, dobbiamo solo ripulire:

mi dispiace, ti prego-perdonami.

Chiedendo perdono, apriamo la strada alla manifestazione della GUARIGIONE.

 

TRATTO DA: "il Metodo-Ho 'Oponopono" di JOLANDA PIETROBELLI (http://www.libreriacristinapietrobelli.it/)

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments