Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Sul tavolo del Cdm arriva la manovrina con cui il governo deve correggere i conti pubblici per rientrare sotto il 3% nel rapporto tra deficit e pil. Nella bozza il maxi aumento delle accise sui carburanti: +6,5 centesimi da subito. Al vaglio anche una stangata sugli acconti Ires e Irap.
Occhio che qui ci spennano: aumentano Ires, Irap, benzina

La chiamano "manovrina", ma non dobbiamo lasciarci trarre in inganno perché è la solita, pesantissima stangata. Nella bozza per la correzione del deficit, che è all’esame del Consiglio dei ministri, abbiamo a che fare con una sfilza di nuovi balzelli, come se la pressione fiscale nel Belpaese non fosse già drammaticamente alta.

Così, se da una parte stanzia 190 milioni per fronteggiare l'eccezionale afflusso di stranieri sul territorio nazionale e incrementa di 20 milioni il fondo per l’accoglienza dei rifugiati minorenni, dall'altra pensa a un maxi aumento immediato delle accise sui carburanti e a un nuovo incremento per gli acconti di Irpef e Irap.

Oggi pomeriggio sul tavolo del Consiglio dei ministri ci sarà la manovrina con cui il governo deve correggere i conti pubblici per rientrare sotto il 3% nel rapporto tra deficit e prodotto interno lordo, decreto che era stato rinviato a causa della crisi di governo. Tra le coperture previste nel decreto, che destina 330 milioni di euro per rifinanziare la cassa integrazione in deroga e 35 milioni di euro per la social card, c'è anche l’incremento delle accise sui carburanti.

Dalla data di entrata in vigore della manovra la benzina salirebbe, infatti, di 6,5 centesimi al litro, mentre l'aumento dal primo gennaio del 2014 e fino al 31 gennaio del 2015 sarebbe di 3,3 centesimi al litro. Secondo fonti vicine all'esecutivo, però, il Consiglio dei ministri starebbe lavorando per evitare questo aumento. In ogni caso, la stangata non si ferma ai carburanti. L'acconto sull’Ires passa, infatti, dal 101 al 103%. In base ai calcoli del Tesoro, per il 2013 il maggior gettito è di oltre 534 milioni di euro e di 28,4 milioni per le addizionali. In rialzo anche gli acconti Irap che dovrebbe comportare un maggior gettito di oltre 327 milioni di euro per il 2013.

FONTE ARTICOLO: ilgiornale.it

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK