Abbiamo 111 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Cercavano di portare ingenti somme in contanti fuori dalla Sardegna, per un totale di più di un milione di euro, ma sono stati individuati dalla Guardia di Finanza. Nei controlli antiriciclaggio messi in opera dalle Fiamme gialle, 34 cittadini cinesi sono stati denunciati. I possessori delle somme, tra l'altro, non avrebbero saputo giustificare la provenienza delle somme di denaro, nè la destinazione. 

Trasferimento denaro

Le Fiamme gialle del Comando provinciale e in particolare del Gruppo di Cagliari, che dall'inizio dell'anno hanno eseguito oltre un centinaio di controlli al porto e allo scalo aeroportuale hanno controllato un centinaio di persone, quasi tutti commercianti o imprenditori, italiani e stranieri, tra questi anche i 34 cinesi trovati in possesso di cospicue somme di denaro in contati.

I soldi, dai 10 ai 50 mila euro alla volta, erano nascosti nelle valige, tra gli indumenti o nelle auto e quando è stato chiesta ai cittadini cinesi provenienza e destinazione, non hanno saputo fornire le giuste giustificazioni.

Secondo la Guardia di finanza cagliaritana, coordinata dal colonnello Germano Caramignoli, il denaro sarebbe stato utilizzato per investimenti nel territorio italiano, alimentando così l'evasione fiscale, o sarebbe poi finito all'estero, in violazione in questo caso delle norme transnazionali sul trasferimento di denaro contante.

Accertata la violazione per i trasgressori è prevista una sanzione calcolata in proporzione all'importo trasferito che va dall'1 al 40%. Sono in corso ulteriori controlli e accertamenti sulle persone trovate in possesso delle somme di denaro.

La normativa nazionale, infatti, vieta transazioni commerciali in contanti di importi superiori ai 9.999 euro, in caso contrario devono essere eseguite tramite intermediari finanziari.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK