Abbiamo 81 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

«Sabato prevarrà il sole su gran parte d'Italia con clima diurno gradevole, ma sarà il capolinea per l'estate, perchè domenica arriva la prima perturbazione di chiaro stampo autunnale». Lo confermano il meteorologo di 3bmeteo.comm, Edoardo Ferrara, che spiega: «Il tempo inizierà a peggiorare già sabato sera al Nordovest, con le prime piogge, mentre domenica il maltempo si estenderà gradualmente a tutto il Paese con precipitazioni e temporali da Ovest verso Est. C'è il rischio di fenomeni molto intensi, con locali nubifragi, in particolare su Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio, entro sera anche su Marche e Abruzzo». Forti temporali raggiungeranno pure la Sardegna e la Sicilia, per poi estendersi gradualmente al Sud. Le ultime a capitolare saranno Calabria, Basilicata e Puglia, dove prevarrà il sole almeno fino al pomeriggio, ma con rovesci anche intensi in arrivo entro la notte.

Passaggio perturbato sull’Italia domani 15 settembre 2013, le fasi del peggioramento«Pure la prossima settimana sarà movimentata, a causa di un profondo ciclone che interesserà gran parte d'Europa portando piogge, temporali, forte vento e neve persino a quote medio-basse», prosegue Ferrara. «L'Italia sarà più ai margini dell'azione ciclonica, tuttavia non mancheranno frequenti passaggi piovosi da Nordovest verso Sudest, pur alternati a parentesi più asciutte e soleggiate, accompagnati da rinforzi di vento tra Ponente e Tramontana». Arriverà anche un po' di freddo sulle Alpi, con spruzzate di neve fin verso i 1500-1700m sui settori di confine. Possiamo dunque proprio dire che l'estate cede definitivamente il passo all'autunno.

Si apre ora un periodo statisticamente rischioso per l'Italia sul fronte delle  alluvioni», concludono da 3bmeteo.com. «A partire da settembre e fino a novembre  il Mediterraneo e l'Italia sono infatti spesso sede di forti contrasti termici  tra l'aria ancora calda, in risalita dal Nord Africa, e le prime irruzioni  polari, in discesa dal Nord Europa. Si possono quindi formare intensi vortici  ciclonici le cui potenzialità vengono ulteriormente esaltate dal mare ancora  caldo, con conseguenti episodi di forte maltempo che possono portare a dissesti
idrogeologici e ad alluvioni lampo». La cronaca italiana riporta diversi casi  alluvionali proprio a settembre, come quello della Costiera Amalfitana nel 2010,  a Carrara nel 2003, a Soverato nel 2000 e, ancora, sulla Lombardia nord  occidentale nel 1995, a Genova sia nel 1993 che nel 1992.

FONTE ARTICOLO:http://www.ilsole24ore.com/

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK