Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Quarto giorno di mobilitazione del movimento che sta scuotendo il Paese.
Il ministro alla Camera: “Elementi di estrema destra nelle manifestazioni”

Quarto giorno di mobilitazione del movimento che sta scuotendo il Paese. Il ministro alla Camera: “Elementi di estrema destra nelle manifestazioni”

Ancora manifestazioni, ancora disagi alla viabilità e presidi in piazza. Il movimento dei “Forconi” guida il quarto giorno di protesta mentre il coordinamento nazionale 9 dicembre si prepara alla grande manifestazione annunciata per sabato nella capitale dove confluiranno tutti i movimenti dalle altre città per un corteo verso il Parlamento.  

Questa mattina il vicepremier e ministro dell’Interno, Angelino Alfano ha riferito alla Camera sulle manifestazioni. Stando all’informativa, il bilancio di questi tre giorni di protesta è di 14 agenti feriti, 5 arresti e 55 denunce per vari reati. Un riferimento anche alle forze dell’ordine che si sono sfilati il casco sottolineando il «no alla strumentalizzazione», mentre il questore di Genova, Massimo Maria Mazza, fa sapere che «ho dato io l’ordine agli agenti e ai carabinieri in servizio di togliere i caschi» come gesto necessario per mandare alla folla un messaggio di «tranquillità».  

Per il vicepremier esiste la preoccupazione che «l’insieme delle cause di un disagio sociale possa provocare una deriva ribellistica contro le istituzioni nazionali ed europee» e ha ribadito la posizione del Governo «nel dire che come si difende la libertà dei manifestanti pacifici, intendiamo difendere la libertà dei cittadini di vivere in sicurezza nelle loro città, dei commercianti di aprire le loro saracinesche, dei cittadini di circolare liberamente». Intanto a Ventimiglia, dove sono stati allestiti tre presidi in piazza, alcune auto hanno bloccato in mattinata il traffico verso la Francia. A Firenze disoccupati, lavoratori, studenti e Casapound sono scesi nelle vie del centro, causando disagi al traffico. Protesta anche in Sardegna sulla statale 131. 

A Torino gli studenti hanno continuato a manifestare davanti piazza Castello. Otto ragazzi sono stati portati in questura. A Palermo, i forconi hanno appeso mutande davanti alla sede della Serit, società di riscossione dei tributi locali. Disagi anche sull’A3, dove è in corso un presidio, nei pressi di Cosenza e nella rotonda d’immissione al raccordo Perugia-Bettolle di Madonna Alta a Perugia. A Roma sta proseguendo il presidio in piazzale dei Partigiani. 

E sempre nella capitale, stamane alcune centinaia di studenti hanno protestato fuori dall’aula magna dell’Università La Sapienza. Un petardo è esploso all’interno, dove era in corso la conferenza nazionale sulla green economy. La protesta si è poi spostata davanti al piazzale del Rettorato dove la polizia ha caricato i manifestanti. Due ragazzi sono stati fermati e poco dopo rilasciati dalle forze dell’ordine. «La nostra Università - si leggeva in uno striscione - non è una passerella per chi semina austerità». 

Ecco la mappa del quarto giorno della protesta dei Forconi.

 

VENTIMIGLIA, FRONTIERA BLOCCATA  

A Ventimiglia dalle 7 un gruppo di manifestanti blocca la frontiera con le auto lungo la statale Aurelia. Tafferugli con le forze dell’ordine. La polizia spara lacrimogeni. Centro paralizzato in mattinata per 2 cortei di frontalieri, studenti e commercianti. E nel tardo del pomeriggio nuovo blocco alla frontiera, coi manifestanti che impediscono il transito verso Francia e Piemonte. 

TORINO, STUDENTI IN CORTEO  

Centinaia di studenti sfilano per le strade del centro in mattinata. Nel pomeriggio nuovo blocco del traffico nella zona nord-est della città. 

MILANO, ARRESTI E PRESIDI  

Continua il presidio del Movimento dei forconi a piazzale Loreto, dove ieri ci sono stati tafferugli; proprio in relazione a questi episodi oggi tre tifosi dell’Ajax sono stati arrestati dalla Digos. 

ROMA, SCONTRI ALLA SAPIENZA  

Non sono gli attivisti dei Forconi, ma gli studenti che protestano contro una conferenza sulla Green economy al centro della tensione prodottasi all’ Università La Sapienza. I ragazzi hanno sfondato le transenne e lanciato bombe carta, salendo poi anche sul tetto della facoltà di fisica. Cariche della polizia, due fermati. Nel pomeriggio momenti critici anche di fronte al ministero dell’Istruzione, dove i lavoratori dei servizi in appalto delle scuole tentano di forzare il cordone degli agenti. 

FRIULI, AUTO-LUMACA IN A4  

nella Bassa Friulana auto con bandiere italiane sono entrate in A4 disponendosi in alternanza sulla corsia di marcia e quella di sorpasso viaggiando a velocità ridotta, causando disagi e code. Polstrada e Autovie Venete le hanno seguite per evitare rischi. 

VENETO, PROTESTE CONTRO EQUITALIA  

Presidi lungo le strade in una decina di località nel Veneto, con traffico rallentato in prossimità dei caselli stradali. Proteste davanti a sedi di Equitalia a Mestre (Venezia) e a Verona. 

FIRENZE, CORTEO E PRESIDIO  

Corteo nel centro di Firenze: i manifestanti si sono diretti verso la Fortezza da Basso, bloccando il traffico. 

PUGLIA, RALLENTAMENTI SU SS16  

Presidio sulla statale 16, all’altezza di Barletta e rallentamenti al traffico. La prefettura di Bari intensifica le misure di vigilanza. 

PALERMO, SVENTOLANO MUTANDE  

Protesta davanti a «Riscossione Sicilia», sventolando mutande e appendendole sugli alberi al grido «siamo rimasti in mutande, prendetevi anche queste». 

Fonte Articolo: lastampa.it

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK