Abbiamo 116 visitatori e nessun utente online

Psicologia e Spiritualità

METEO

Consiglio Comunale


 
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

La prossima edizione dedicata ai sardi che emigrano e ai migranti che arrivano


Sa Die

“Sardinia, terra de migrantes”. E’ questo il tema legato alla celebrazione de Sa die de sa Sardigna 2016 scelto con la delibera di Giunta, proposta dall’assessore della Cultura e Pubblica Istruzione Claudia Firino e approvata nella riunione odierna in viale Trento, sotto la direzione del presidente Francesco Pigliaru.

“Il filo rosso che lega le iniziative alle quali stiamo lavorando per “Sa die 2016” è il tema della emigrazione – immigrazione. Sardi diventati cittadini del mondo che portano con sé la propria identità, che non hanno rinunciato alle loro radici culturali, e le intrecciano a tradizioni altre – ha detto la titolare della Cultura – in terre dove posano la loro valigia e spesso mettono radici e crescono i loro figli. In un momento storico di grandi flussi migratori verso la Sardegna, penso inoltre alle popolazioni che scelgono la nostra isola come approdo, terra nella quale vivere, facendone nuova casa d’adozione, nella quale potersi integrare al meglio”.

Il programma. “Sa die de sa Sardinia 2016” prevede iniziative in collaborazione con i Circoli sardi e le comunità straniere presenti nell’isola, eventi musicali con la partecipazione di artisti e gruppi tradizionali e moderni.
“L’idea – ha proseguito l’assessore Firino – è quella di coinvolgere le scuole e la società civile, per sensibilizzare soprattutto le giovani generazioni sul tema e l’importanza che ricopre nella vita di ciascuno di noi l’integrazione sociale”.
L’auspicio dell’esponente della Giunta è che questa ricorrenza si riempia di significato reale e non resti una semplice celebrazione, ma “una opportunità – ha concluso l’assessore – perché vecchie e nuove generazioni possano identificarsi e riconoscersi nel proprio passato e superare le sfide che l’isola deve affrontare in Europa, nella sua dimensione di terra al centro del Mediterraneo, ospitale e solidale con i popoli che hanno maggiore necessità”.

Fonte Articolo:http://www.linkoristano.it

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
comments

Seguici su FACEBOOK